fbpx

feesblog

La garanzia di un drone

E se il vostro regalo dei sogni diventasse un incubo?
Da un decennio a questa parte la maggior parte dei regali di compleanno e delle strenne natalizie sono di carattere tecnologico.
Oltre ad essere i regali più in del momento hanno anche un elevato valore economico.
Un esempio è sicuramente il drone che si è ritrovato a maneggiare Paolo e la conservazione della garanzia di un drone.

La garanzia di un drone

Finalmente la possibilità di filmare e perdersi nei campi della campagna cremonese, tutto con visuali dall’alto e periferiche mozzafiato: un sogno sempre bramato, ora diventato realtà.

Ma è tutto così rosa e fiori? E se lo scontrino cartaceo fosse sbiadito o distrutto?

Ogni volta che Paolo utilizza il suo drone, controlla se nel suo cassetto ci sia ancora quello scontrino, come garanzia di un drone.
Ma ve l’ha mai detto nessuno che secondo le nuove norme di legge per una garanzia non serve per forza esibire lo scontrino, ma basta avere una foto?
Immaginate ora un servizio cloud che permetta di immagazzinare tutte le foto dei vostri scontrini.

I regali che vi hanno i vostri amici, genitori o compagni, tutto conservato in un unico posto.
Questo è uno dei servizi che offre Fees: la possibilità di salvaguardare gli scontrini uno spazio sicuro e poterli utilizzare come prova d’acquisto e garanzia.

Hai anche tu un drone come Paolo? Non ti preoccupare fai la foto allo scontrino e usa Fees come prova di garanzia.
Non hai un drone? E se funzionasse così per ogni garanzia?

Non importa che sia la tua nuova TV LCD, la lavatrice, la macchina del caffè o semplicemente il tuo nuovo smartphone scatta una foto allo scontrino, e al resto, ci pensa Fees.

Se non l’hai ancora fatto, vai sul tuo Store, e scarica la app Fees.

Consulta anche il nostro sito

feesblog

Black Friday, la festa degli scontrini

Negli Stati Uniti la festa del Ringraziamento o, come dicono loro, Thanksgiving, è ormai alle porte.
Successivamente al Thanksgiving, fra le feste più amate fra gli americani è nata quella che è sicuramente la “festa” pagana più attesa d’America: il Black Friday.
Ma che cos’è il Black Friday? Perché se ne sente parlare anche in Italia? E cosa centra con gli scontrini e le garanzie? Scopri come conservare la Garanzia durante il Black Friday

Garanzia durante il Black Friday

Come ottenere la Garanzia durante il Black Friday?

Il Black Friday è, essenzialmente, il giorno dopo Thanksgiving, che cade sempre di giovedì.
La sua particolarità è che è anche il giorno delle offerte stracciate sui prodotti e i saldi più esagerati su varie merci.
Black Friday è sinonimo di file fuori dai negozi dalla sera prima, spese pazze e incassi multimilionari per aziende tech e, ormai, pure dei grandi colossi del delivery come Amazon.
È senza ombra di dubbio il giorno in cui vengono emessi più scontrini in tutti gli USA.

Dove si sta diffondendo?

Da un paio d’anni le multinazionali della tecnologia stanno lentamente esportando questa tradizione anche nel vecchio continente.

Sempre più stati aderiscono a questa iniziativa, fra cui l'Italia, sempre al passo con i tempi e con le migliori tecnologie.

È di recente che infatti vediamo in televisione o su youtube e sentiamo in radio o su Spotify pubblicità legate a questo strano giorno dell’anno. Di seguito, vi riportiamo un esempio delle più grosse ed anche controverse campagne pubblicitarie legate al Black Friday:

Comprerete anche voi i regali per Natale durante il black Friday? Se sì, salvate le vostre garanzie con la app di fees, disponibile su Apple Store e Google Play.

Stay tuned, nel prossimo articolo del nostro blog parleremo proprio di regali natalizi e scontrini parlanti.

feesblog

Come funziona la Lotteria Scontrini?

In questi giorni si è molto parlato di Scontrino Elettronico e di Lotteria degli scontrini a premi. Ma come funziona La lotteria degli Scontrini?

Sono giorni abbastanza concitati per quanto riguarda la manovra finanziaria 2020 proposta dal governo, deciso a combattere l’evasione fiscale incentivando pagamenti con carta o digitali.

[caption id="attachment_730" align="alignnone" width="2250"]Come funziona la lotteria degli scontrini? Lotteria Scontrini[/caption]

Ma come funziona La lotteria degli Scontrini?

Ma quali sono le misure per incentivare i contribuenti nella richiesta dell’emissione dello scontrino elettronico?

La più discussa in questo momento è la lotteria dello scontrino.
Questo metodo, già adottato in altri paesi dell’Unione Europea, dovrebbe entrare in vigore nel nostro paese con l’arrivo del 2020.

Ecco come dovrebbe funzionare secondo le bozze discusse in questi giorni in parlamento.

 

Quando viene emesso uno scontrino elettronico, il Cliente potrà fornire il proprio codice fiscale, partecipando automaticamente ad una estrazione mensile con montepremi fino a €50.000.

È, inoltre, prevista una estrazione annuale dal valore di 1.000.000.000 di euro.
Tutte le somme corrispondono a cifre reali e nette.

Con ogni scontrino elettronico relativo a spese di importo pari ad almeno 1 euro a partire dal 1° luglio 2020 i contribuenti potranno concorrere all’assegnazione di premi di importo compreso tra 100.000 euro e 30.000 euro con una maxi estrazione di €1.000.000.

Il sistema incentiva pagamenti tramite carta o digitali; nel dettaglio, ci saranno ben 10 estrazioni al mese per la lotteria cashless, 3 per la lotteria degli scontrini rivolta ai pagamenti in contanti.

Questo metodo incentiva l'emissione dello scontrino da parte del cliente, combattendo l'evasione fiscale
È prevista una sanzione pecuniaria per gli esercenti che si rifiutano di accettare il codice fiscale dei contribuenti.

Potranno partecipare alla lotteria degli scontrini soltanto i contribuenti maggiorenni e residenti in Italia.

Salvate il vostro Scontrino Elettronico su fees, l’app che ti permette di scansionare e conservare l’immagine dei vostri scontrini.

 

feesblog

US-Italy Innovation Forum 2019 – Fees a Stanford

La conferenza, la prima nel suo genere organizzata dall'Italia negli Stati Uniti, ha rappresentato un momento strategico per rafforzare le relazioni tra i due paesi.
Il fine: incoraggiare le collaborazioni tra ricercatori e leader nei settori tecnologici, industriali e scientifici e approfondire il processo dell'innovazione tecnologica in Italia. Fees ha avuto il privilegio e l'onore di parteciparvi.

L'evento del 18 ottobre, US-Italy Innovation Forum 2019, organizzato dal Ministero degli Affari Esteri con il sostegno di Confindustria in collaborazione con l'Università di Stanford e pubblicizzato da diversi siti istituzionali, si è tenuto in occasione della visita ufficiale negli Stati Uniti del Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella.

Italy Innovation Forum 2019

L'OVERVIEW

Tanti sono stati gli ospiti autorevoli, fra cui:

  • Jennifer Widom, decano della facoltà di Ingegneria di Stanford
  • Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica Italiana
  • Paola Pisano, Ministro dell'Innovazione tecnologica
  • Daniele Finocchiaro, Presidente del gruppo di lavoro "Ricerca e Sviluppo" di Confindustria
  • Carlo Ferro, Presidente dell'Agenzia del Commercio Italiana
  • Giorgio Metta, Direttore dell'Istituto Italiano di Tecnologia
  • Marco Pavone, Direttore del Laboratorio Sistemi Autonomi di Stanford
  • Nirav Tolia, fondatore di Nextdoor
  • Francesco Storace, Amministratore Delegato di Enel

Jennifer Widom, ha aperto la prima sessione che ha visto il Ministro Paola Pisano, Daniele Finocchiaro e Carlo Ferro, confrontarsi su diverse tematiche nell'ambito dell'innovazione.
L'intero forum è stato mediato da Davide Dattoli, CEO & CoFounder di Talent Garden, che come sempre, si è dimostrato all'altezza del ruolo assegnatogli.

Tre sono i pannelli principali organizzati per il Forum, rispettivamente dedicati a:

  • Big data e machine learning in Life Science, robotica e intelligenza artificiale;
  • Advanced Manufacturing & Industry 4.0, Mobility & Smart Cities;
  • Space Space, Science & Technology;


GLI ALTRI RELATORI DEL US-Italy INNOVATION FORUM 2019

Paola Pisano ha aperto la seconda parte del forum, sottolineando la necessità di tre azioni fondamentali per il nostro paese:

  • Consolidare, sostenendo il network delle realtà già esistenti favorendo il contatto con realtà americane
  • Scalare, con riferimento alle startup, come ad esempio Fees, che hanno bisogno di diventare globali, Il ministro dice:

"dobbiamo creare dei centri di innovazione e acceleratori in grado di supportare queste realtà, aiutandole e facilitandole ad aprire sedi qui nella Silicon Valley".

"Noi faremo lo stesso con le vostre startup così da innestarle all’interno del tessuto imprenditoriale che abbiamo nel nostro paese".

  • Creare, che definisce come la parte più difficoltosa.
    Spiega, infatti, che in Italia esistano sedi commerciali americane, ma sottolinea la necessità di creati centri di ricerca e sviluppo, come quello di Amazon nell'ambito dell'Artificial Intelligence, a Torino, o la Apple Academy a Napoli.
    Il tutto con la promessa:

"Ci impegneremo a semplificare i processi"

 

Giorgio Metta, parla delle principali sfide che deve sostenere l’Italia.
Prima tra tutte, il miglioramento del sistema infrastrutturale del paese e seconda, non meno importante, snellire la regolamentazione che funziona da muro per lo sviluppo e il miglioramento di nuove tecnologie.

Marco Pavone, segue comunicando un messaggio molto chiaro, la piena volontà di collaborare ed aiutare l'Italia nel complesso processo di evoluzione all'innovazione.

Subito dopo Giorgio Saccoccia, Presidente - the Italian space agency, ha evidenziato l'eccellenza italiana e come oggi l’Italia

“sia uno dei pochi Paesi al mondo ad operare in tutti i settori della ricerca e delle applicazioni spaziali”.

Prima della chiusura,  Nirav Tolia e Francesco Storace, hanno illustrato la loro visione per il futuro dell'innovazione, gli impatti sullo sviluppo economico e sociale, le sfide da affrontare e le opportunità da cogliere.

Nel pomeriggio il Forum ha presentato tre tavole rotonde su affari e ricerca nei settori discussi nei panel mattutini.
A margine del Forum, il Presidente Mattarella, ha incontrato il Presidente di Stanford, Prof. Marc Tessier-Lavigne.

 

https://onelink.to/9b8hc9

 

Leggi il nostro blog per scoprire le avventure di Fees e le sue novità

 

feesblog

Detrazione fiscale, cosa significa, come funziona?

Tra aprile e luglio, si sente sempre parlare di dichiarazione dei redditi e di detrazione fiscale. Ma cosa sono le detrazioni?

In materia di tassazione, per detrazione fiscale si intende una somma che è possibile sottrarre da un’imposta per ridurne, legalmente, l'ammontare. La detrazione è un importo che si sottrae quindi dalle imposte dovute, abbassando così il costo delle tasse.

Non è da confondere con la deduzione fiscale, che è una riduzione della base imponibile ovverosia dell'importo su cui calcolare l'imposta.
La detrazione fiscale viene applicata all'imposta calcolata, detta lorda, ottenendo così l'imposta netta, ossia l'imposta effettivamente dovuta.

 

detrazione fiscale

 

La normativa prevede diversi tipi di detrazioni fiscali: alcune spettano per aver prodotto un determinato tipo di reddito, ad esempio di lavoro dipendente o di pensione, altre spettano se si hanno dei familiari a carico, altre ancora per oneri e costi sostenuti nell’anno.
Le detrazioni possono essere così corrisposte ad una determinata percentuale dei costi sostenuti (con eventuale applicazione di franchigie e tetti massimi) e sono concesse in diversi modi: previa presentazione fisica dello scontrino fiscale che indica il codice fiscale dell’intestatario della spesa oppure semplicemente presentando una foto dello scontrino.

Ma qual è la quota minima per richiedere una detrazione fiscale? La quota minima da superare per detrarre le proprie spese è di 129 euro e la categoria di spese che possono essere detratte sono:

 

  • Sanitarie (mediche e farmaceutiche) ;
  • Veterinarie;
  • Erogazioni liberali (donazioni) ;
  • Trasporti pubblici (abbonamenti); 
  • Forme pensionistiche private;
  • Contratto d’affitto;
  • Assicurazioni sulla vita e sugli infortuni;
  • Mutui;
  • Ristrutturazioni edili ed ecobonus;
  • Figli a carico;
  • Istruzione;

Quali voci richiedono l'obbligo di tracciabilità?

Le detrazioni fiscali interessate dall'obbligo di pagamento tracciabile o divieto di pagamento in contanti della spesa ai fini della detrazione IRPEF sono le seguenti:

  • Interessi passivi mutui prima casa
  • 19% sui mutui per la costruzione dell'unità immobiliare da adibire all'abitazione principale
  • Per spese mediche: L'obbligo di tracciabilità è previsto anche per le spese mediche e le spese sanitarie detraibili ai sensi della lettera c) del comma 1 dell'art. 15 del TUIR.
    • Possono essere pagate in contanti: acquisto di medicinali e dispositivi medici, prestazioni sanitarie SSN o da struttura private accreditate al SSN

Nei successivi articoli definiremo in modo più preciso le metodologie, quote e percentuale di detrazione per ogni singola categoria.

 

Resta sempre aggiornato in materia con fees, segui il nostro Blog

https://onelink.to/9b8hc9

feesblog

Scontrino elettronico, cosa cambia per i clienti?

Hai sentito parlare di Scontrino Elettronico e non riesci a capire di cosa si tratta? Ti hanno detto che cambierà tutto per i clienti? Hai paura di trovarti spiazzato difronte alla nuova emissione? Se queste sono le domande che ti stai ponendo, posso rassicurarti, perché ci sono io a darti tutte le risposte.

Nella guida di oggi, ti illustrerò cosa cambia per i clienti con lo Scontrino Elettronico.

Dopo aver letto questo articolo, sono sicuro che troverai la risposta al tuo problema. Mettendo in pratica i suggerimenti che ho preparato per te, non ci sarà più alcun ostacolo tra te e il tuo scontrino elettronico.

Come dici? Sei impaziente di cominciare? Allora non perdiamo allora altro tempo e iniziamo! Buona lettura!

Scontrino elettronico, cosa si rilascia ai clienti?

Chi acquista riceve il documento commerciale emesso dal registratore telematico. I dati continueranno a viaggiare su carta e per beneficiare di eventuali detrazioni si dovrà richiedere il documento commerciale fiscale.

Gli esercenti hanno dovuto dotarsi obbligatoriamente del registratore telematico, a partire dal 1° luglio 2019 per attività con un volume d’affari superiore a 400.000 euro e da gennaio 2020 in tutti gli altri casi.

La novità che riguarda i commercianti prevede una memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo numero 127 del 2015.

Dopo l’introduzione della fattura elettronica a partire da gennaio, la rivoluzione digitale del Fisco vive una nuova fase con lo scontrino elettronico: i canali tra contribuenti e amministrazione finanziaria diventano sempre più diretti e immediati, a prova di evasione.

 

 

 

 

 

Scontrino elettronico, per i clienti arriva il documento commerciale: come funziona

Con le novità a partire da luglio 2019 e gennaio 2020, il termine “scontrino” resterà nel nostro linguaggio ma diventerà formalmente obsoleto, a prendere il suo posto sarà il documento commerciale. Si distinguono due versioni:

  • quello ordinario, utile ai fini civilistici. Ad esempio, per alcuni prodotti funge da garanzia;
  • quello fiscale, per beneficiare di detrazioni o deduzioni.

(altro…)